27 gennaio 2009

ANGOLO POESIE

REBUS

scorre la nostra vita sempre lungo un filo
da piu persone condiviso;
ogni cosa capita per una ragione
sta a noi scoprire la soluzione...
come un rebus che si mostra
solo oltre,
l'apparenza....
tutto quello che succede
da un senso all' esistenza...
tutti noi abbiamo costantemente
bisogno di capire
chi siamo
e dove andremo a finire
la risposta è scritta nel nostro destino
e in ciò che abbiamo imparato
stando vicino....

11 commenti:

littlestarwithoutsky ha detto...

io nn credo nel destino

darksecretinside ha detto...

CARA SHIVER......CHI NON CREDE NEL DESTINO RINNEGA SE STESSO....COME AVRAI BEN CAPITO, IO SONO DACCORDO CON TE. GRAZIE PER TUTTO QUELLO CHE SCRIVI E PER TUTTI I COMMENTI CHE HAI LASCIATO NEL MIO BLOG, MA SOPRATTUTTO GRAZIE PER LE COSE ELEVATE, IMPORTANTI ED INTELLIGENTI CHE AFFERMI.
UN ABBRACCIO!!!!!

Shiver ha detto...

per darksecretinside nn mi devi ringraziare, mi è piaciuto il tuo blog, e quello che hai scritto...trovo una certa affinità tra i miei pensieri e i tuoi, è molto difficile al giorno d'oggi trovare persone interessanti...ma il destino te le fa incontrare.. ;)

darksecretinside ha detto...

OH YES! AL 100%

Gohan ha detto...

Come sai io sule destino io o una teoria un po' strano, ci credo "a metà"...

Ovvero, credo nelle cosiddette "tappe forzate"...

Penso cioè che non sia nè tutto già scritto come in un libro nè che la vita sia semplicemente un susseguirsi di mere casualità e coincidenze, ma che po' come avviene nel gioco del monopoli mentre percorriamo la strada che sarebbe la vita ci sono delle tappe, dei bivi, in cui dovevamo per forza capitare, ma che in queste che io chiamo "tappe forzate" abbiamo la facoltà di decidere in base al nostro libero arbitrio...

Cioè, che dobbiamo trovarci per forza a vivere determinate cose o a conoscere certe persone è una cosa effettivamente scritta, ma che abbaimo la facoltà di decidere liberamente (tutto il discorso sulla libertà fatto nel post precedente) come compartarci e che quindi la piega che prenderanno gli eventi dalla tappa forzata in poi dipenda esclusivamente da noi...

Pazzia?

«Non esistono coincidenze, solo l’illusione delle coincidenze»
(da "V for Vendetta" del mitico Alan Moore)

Shiver ha detto...

per Gohan no la pazzia è un altra cosa...
«Non esistono coincidenze, solo l’illusione delle coincidenze»
quindi ci illudiamo costantemente di vedere connessioni tra situazioni? per me sono cosi tante le coincidenze che mi capitano che nn posso pensare che siano illusioni create dalla mia mente...tr tangibili.. se poi mi dici ogni persona da un significato diverso a ciò che gli capita... è tutta un altra storia...

Shiver ha detto...

per littlestarwithoutsky nn credi nel destino... bhe allora il fatto che io venissi a sapere dal mondo cosa ti capitava anche quando eravamo lontane e anche quando io nn cercavo tue notizie, cos'era se nn destino?

Gohan ha detto...

«Non esistono coincidenze, solo l’illusione delle coincidenze»
quindi ci illudiamo costantemente di vedere connessioni tra situazioni? per me sono cosi tante le coincidenze che mi capitano che nn posso pensare che siano illusioni create dalla mia mente...tr tangibili.."

Mi sa che non hai capito!:-)
Quella è una citazione pro-destino...
Lo spiegare certi avvenimenti bollandoli come semplici "coincidenze" è un atteggiamento tipico di chi ha un approccio "razionalista" e che quindi non crede nell'esistenza di forze superiori o in concetti come il destino...

Gohan ha detto...

Ti faccio un esempio...

Tu incontri una determinata persona in un certo momento e questo ha dei risvolti fondamentali per la tua vita, e in quello stesso periodo in numerose situazioni diversissime tra lori ti imbatti di continuo in segni che in qualche modo ti ricordano quella persona...
Come cioè se il destino ti stesse indicando quella persona, nel tentativo di farti comprendere la sua importanza...

Chi non crede nel destino ritiene che queste siano solo coincidenze...
Il fatto cioè di conoscere una determinata persona in un dato momento non fa parte di alcun disegno preordinato ma è semplicemente frutto del caso...
Poteva capitare come no...
e tutte quelle connessioni che a nmoi sembra di vedere non sono segni del destino, ma sono semplicemente costruzioni mentali che ci facciamo noi o semplici coincidenze..
Eventi assolutamente casuali dietro cui noi erroneamente crediamo ci sia chissà quale significato...

La frase che avevo riportato, ovvero
«Non esistono coincidenze, solo l’illusione delle coincidenze»
va contro questa linea di pensiero che potremmo definire "raqzional-scettica"...
Quello che vuole dire è "ci illudiamo di poter spiegare tutto facendo riferimento alle coincidenze per la paura di negare l'esistenza di forzr superiori a noi e che non possiamo controllare"...
La frase vuole dire che è molto più facile e rassicurante credere che ogni avvenimento che ci capita sia frutto esclusivamente del caso, ma che nonostante questo nostro tentativo il "rifugio" delle coincidenze è solo un'illusione...
E che anche se ammetterlo magari ci spaventa e ci inquietà dietro ad alcuni avvenimenti non c'è il caso ma c'è altro...

Anonimo ha detto...

Coincidenze. Sono sempre stato un fan delle coincidenze tant'è che quando capitano tendo a autoconvincermi di stare seguendo la strada giusta... però adesso mi vien da dire un'altra cosa...
Spesso le situazioni tendono ad aprirti gli occhi verso una determinata cosa un esempio stupido potrebbe essere : mio babbo compra un auto nuova e da quel momento chissà perchè vedo di più per strada lo stesso modello.
Come se si aprisse una determinata predisposizione ad assimilare un qualcosa legato ad una situazione passata.
Resta cmq il fatto che un giorno volevo fumarmi una cannetta con un amico ma non avevamo le cartine... in quel preciso momento è passato un pulmino della rizla che le sponsorizzava e in un attimo erano ai nostri piedi.
- T -

Shiver ha detto...

per -T-
"Come se si aprisse una determinata predisposizione ad assimilare un qualcosa legato ad una situazione passata."

se una predisposizione si apre in noi è perchè la nostra anima lo vuole..rievochiamo ciò che ci ha colpito, o ci ha fatto male... ci portiamo dentro ciò che nn è risolto...o che vorremmo nn risolvere...o che ci piacerebbe riavere...se una cosa ci ha toccato in positivo o in negativo ci seguià sempre...ma per me le coincidenze ci vogliono sempre dire qualcosa...
ps:ma perchè dalle mie parti i pulmini della rizla nn passano?